202001.27
Off
0

Diventerò cittadino italiano, ma mio figlio? Posso richiedere la cittadinanza italiana anche per lui? Rosso Passaporto ti risponde!

La cittadinanza italiana, oltre a essere un salvataggio delle origini e dei loro antenati, è senza dubbio una porta di successo per te e le tue generazioni future, in quanto offre possibilità uniche di lavoro, studio, alloggio e non solo… praticamente è un modo per garantire il successo alle tue prossime generazioni.

Far riconoscere i tuoi diritti di cittadino italiano è un’opportunità anche per i tuoi figli. Con la cittadinanza italiana darai loro una vita migliore, legittimando così un diritto che è anche loro.

E sulla base di ciò, oggi, vogliamo affrontare una domanda molto comune tra i futuri italiani o, più precisamente, i futuri papà che hanno ottenuto (o presto otterranno) la cittadinanza italiana:

Come avviene il processo di cittadinanza per i figli?

La risposta arriva subito!

Quando un richiedente inizia il suo processo di riconoscimento della cittadinanza e ha figli MINORI, deve preparare i documenti anche dei figli in modo da estendere la domanda anche a loro. In altre parole, i bambini, in questo caso, entrano come persone a carico e vengono automaticamente riconosciuti insieme al richiedente (uno dei genitori).

Ora, se tuo figlio è MAGGIORENNE (ha più di 18 anni), non c’è modo di ottenere la cittadinanza come scritto sopra. Ciò significa che dopo i 18 anni, i figli, devono possedere TUTTI i documenti e seguire l’iter per ottenere la cittadinanza proprio come i genitori.

Ricorda che Rosso Passaporto ha tutta le competenze necessarie per aiutarti.

FAQ – DOMANDE E RISPOSTE

Mio figlio è minorenne, ma compirà 18 anni durante il processo di cittadinanza. Come funziona in questo caso?

In questo caso, se il processo di cittadinanza viene avviato in giovane età, al termine della procedura, sia il figlio che il genitore saranno riconosciuti come italiani. Tuttavia, nei casi in cui è necessario firmare la documentazione di chiusura, il bambino maggiorenne dovrà firmare da solo.

La cittadinanza italiana è valida anche per mio figlio adottivo?

Sì, ma non è una procedura di riconoscimento della cittadinanza italiana convenzionale (“iure sanguinis”). In questo caso specifico, sarà necessario aggiungere l’intero processo di adozione e le fasi della procedura variano in base alle modalità di adozione e all’età del bambino (minore o maggiorenne).

Sarò presto un genitore, come funziona in questo caso? Mio figlio nascerà italiano dopo il mio riconoscimento?

La risposta a questa domanda è che in questo caso, tuo figlio è già italiano, ma per poter essere ufficialmente riconosciuto italiano, prima che abbia compiuto i 18 anni, la sua nascita in Italia deve essere stata registrata. Senza questo passaggio, tuo figlio dovrebbe seguire l’intero processo di riconoscimento della cittadinanza italiana, proprio come hai fatto tu: dalla raccolta dei documenti, alla fila in consolato, al viaggio in Italia.

Se hai ulteriori domande o sei interessato a saperne di più, ti preghiamo di contattarci facendo clic qui.